Categoria: U17M

UNDER 17/Il ritorno parte con un “centello”

Agevole affermazione dei ragazzi di coach Boschi. Partita senza storia e ampi minutaggi per tutti

VISCONTI 100
MOZZO 31
PARZIALI: 24-5, 22-5, 31-14, 23-7
VISCONTI: Vismara 2, Pagnoncelli 8, Menotti 7, Corbetta 9, Pinotti 12, Penati 14, Bongiorno 4, Viscardi 4, Prestileo 12, Turini 8, Carminati 18, Moretti 2. All: Boschi. Ass: Se. Leoni, Ferrari.

BRIGNANO – Il girone di ritorno inizia con un “centello” per l’Under 17 che regola Mozzo al termine di una partita incanalata sui binari giusti sin dalle prime battute. Coach Boschi fa girare i dodici ragazzi a sua disposizione garantendo adeguati minutaggi e trovando risposte positive da tutti in tema di intensità. Nota di merito, in tal senso, per Andrea Corbetta autore di una prova di livello più che ottimo.

UNDER 17/Una vittoria a forza… nove

Rimaneggiati per le molte assenze, i ragazzi schierati da Boschi iniziano malissimo. Poi il coach tocca e corde giuste. Ed è tutta un’altra musica…

VERDELLO 68
VISCONTI 95
VISCONTI: Vismara, Menotti 27, Corbetta, Bongiorno 13, Viscardi 8, Prestileo 12, Leoni 22, Turini, Moretti 13. All: Boschi. Ass: Ferrari.

VERDELLO – Si narra che nella fredda palestra di Verdello, nel tardo pomeriggio di sabato 12 novembre, ad un certo punto è risuonata la melodica voce di Alicia Keys e Trevor Rabin e che sulla panchina di sinistra, Teo Boschi, in piena trance agonistica ha cambiato tono di voce, qualcosa di molto simile a Don Haskins, il coach di “The Glory Road”: «Nei vostri occhi non vedo passione, nel vostro stare in campo non vedo il basket. Dovete avere rispetto per voi stessi, per chi è qui a sostenervi e per i vostri compagni che non possono esserci…».

Parole dette col tabellone che segnava un mortificante 37-22 per i padroni di casa con poco più di due minuti da giocare nel secondo quarto di una partita che l’Under 17 stava giocando senza Edo Penati, Tommy Carminati, Ale Pinotti e Fede Sala.

Parole dette nel tentativo disperato di “accendere” i nove giocatori a disposizione. Ebbene, alla fine del secondo quarto Brignano era avanti 42-41: 20-4 di parziale in poco più di due giri d’orologio,

Alla fine, Visconti si mette in tasca il quarto referto rosa su quattro partite giocate: 95-68 il punteggio finale. Note gradevoli di un “crescendo” a tempo di rock’n roll.

Luca Menotti direttore d’orchestra, Stefano Leoni il porto sicuro dove attraccare quando serve un canestro, Visca, Presti, Bongio e Lore Moretti tutti sul pezzo con belle iniziative e punti nelle mani… Nove indomiti con gli occhi da leone ed un coach che stavolta con le sue parole ha segnato il canestro vincente.

U17 MASCHILE/Gradevole sinfonia, dopo l’intervallo

In casa del Cral Dalmine, devastante secondo tempo per i ragazzi di coach Boschi che piazzano il parziale di 50-13

CRAL DALMINE 44
VISCONTI BRIGNANO 83
VISCONTI: Vismara 2, Pagnoncelli 8, Menotti 4, Corbetta 2, Pinotti 4, Penati 31, Bongiorno, Viscardi 6, Prestileo 2, Leoni 14, Turini 5, Moretti 5. All. Boschi, Ass. Ferrari.

DALMINE – Due partite in una: sono quelle giocate dall’Under 17 del Visconti che priva di Carminati, Sala e Guida si è recata a Dalmine per affrontare la coriacea formazione del Cral. La “prima partita” è quella durata due quarti: un po’ troppo precipitosi in attacco e distratti in difesa, pur mantenendo la testa avanti i “gialli” non sono riusciti a scrollarsi di dosso la vivace compagine di casa: 33-31 per Brignano il parziale del 20’.

Non è dato sapere cosa Matteo Boschi e Mario Ferrari abbiano detto ai ragazzi negli spogliatoi. Sta di fatto che al rientro in campo la sinfonia eseguita dall’orchestra brignanese ha diffuso in campo solo gradevolissime note: 35-4 di parziale nel solo terzo quarto, 50-13 se allunghiamo la striscia al quarto tempo: il +39 sancito dalla sirena premia l’ottima reazione avuta dal Visconti che resta così primo a punteggio pieno nel girone J.

«Cosa ho detto ai ragazzi? Nulla che loro non sapessero già» sorride coach Boschi che prosegue: «Abbiamo messo in campo l’attenzione e l’intensità che servivano, giocando bene di squadra, come testimonia che praticamente tutta la squadra ha scritto punti a referto».

UNDER 17 MASCHILE/Quando si innesta il turbo…

Seconda vittoria consecutiva per la squadra di coach Boschi che ha regolato l’ostica Almenno. Quando la squadra ha cambiato ritmo in attacco e in difesa, ha fatto il vuoto

VISCONTI BASKET 77
BASKET ALMENNO 52
PARZIALI: 22-7, 19-16, 10-15, 26-14.
VISCONTI: Vismara 4, Pagnoncelli, Menotti 12, Corbetta 2, Pinotti 3, Penati 17, Bongiorno, Prestileo 2, Carminati 9, Leoni 19, Turini 5, Moretti 4. All: Boschi. Ass: Ferrari.

BRIGNANO Esordio casalingo con referto rosa finale, per i ragazzi dell’Under 17 che regolano la coriacea squadra di Almenno, concedendo così il bis dopo il “centenario” esordio di Mozzo.

I ragazzi in maglia gialla, quando alzano l’asticella dell’intensità evidenziano una superiorità netta come dimostrato nel parziale del primo quarto ma, soprattutto nel finale. Con Almenno che si era fatta pericolosamente sotto a “-11” per via di qualche distrazione di troppo, capitan Stefano Leoni e i suoi compagni hanno alzato la “Linea Maginot” difensiva ritrovandosi oltre il “+20” in un amen.

«La discontinuità non può essere nostra compagna di viaggio – commenta coach Boschi – e questo è un particolare sul quale dovremo lavorare con molta attenzione. Sarebbe un peccato non raccogliere i frutti di quello che meritiamo, per colpa di distrazioni evitabilissime sia in difesa che in attacco. Detto ciò – sottolinea “Coach T” – va rilevata la bontà della nostra prestazione».

PRE SEASON/Solo sprazzi di Under 17

L’ultima amichevole prima dell’esordio in campionato non soddisfa pienamente coach Boschi: «Rendiamoci conto di quello che possiamo essere…»

Ad una settimana dall’esordio in campionato (sabato pomeriggio a Mozzo) l’Under 17 ha ospitato l’Argentia Gorgonzola per una amichevole di rifinitura.

L’incontro, iniziato con un minuto di silenzio in ricordo del giovane giocatore Alessio Duranti, si è giocato su ritmi più che accettabili ed ha visto i ragazzi di coach Matteo Boschi, assistito da Mario Ferrari, costantemente avanti nel punteggio.

Aspetto, questo, che non ha addolcito il pomeriggio dell’allenatore brignanese: «Non è questa la pallacanestro che può produrre un gruppo che ha potenzialità evidenti ma ancora inespresse. Potenzialità che potranno esaltarsi solo se ciascuno si metterà a disposizione della squadra. Ho già detto ai ragazzi che è la qualità dei minuti che conta, non certo la quantità. Bisogna ricominciare a lavorare sodo in allenamento. Spero che i ragazzi colgano la bella opportunità e si rendano conto di cosa possono effettivamente essere in campo».

PRE SEASON/La Under 17 al “Roby Day”

Proficua amichevole col Trezzano Basket e poi serata speciale con “il nonno di Tommy”

Trasferta nel milanese, per l’Under 17 di coach Matteo Boschi, assistito da Mario Ferrari e Seba Leoni, che ha raggiunto Trezzano sul Naviglio per un appuntamento speciale.

La proficua amichevole con l’Under 17 del Trezzano Basket è stato il primo capitolo della giornata: pur non tenendo, com’è logico che sia in questa fase iniziale della stagione, la medesima intensità per tutti i 50’ di gioco, a tratti i ragazzi hanno espresso una pallacanestro effervescente che cammina di pari passo con qualche errore di valutazione, sottolineato a chiare lettere dal coach durante la partita: «Ho spronato i ragazzi ad interpretare il ruolo che, a mio parere, io gli riconosco. Devono rendersi tutti conto che serviranno impegno, costanza, applicazione ed entusiasmo per compiere il salto di qualità che è doveroso fare».

A Trezzano, Visconti ha schierato anche i tre volti nuovi dell’Under 17: Filippo Turini, Andrea Corbetta e Federico Sala, tre ragazzi del 2007 che hanno destato una più che ottima impressione.

Al termine della partita, la squadra, e i rispettivi genitori, sono stati ospitati da Roberto e Patrizia Bergonti, nonni materni di Tommaso Carminati, due persone dalla generosità non comune e da sempre legatissimi al mondo Visconti. Il “nonno di Tommy” come viene simpaticamente chiamato, ha voluto festeggiare il suo compleanno con la squadra ed ha creato l’ambiente per una serata che coach Teo ed ragazzi hanno pienamente apprezzato.

I ragazzi dell’Under 17 e coach Boschi con Roberto Bergonti

Seba Leoni: «C’è una scintilla da far accendere»

L’head coach degli U16 nonché assistente di U17 e U19 (e punto fermo della Promozione…) ha ben chiaro l’obiettivo: «A molti ragazzi manca poco per fare il salto di qualità. I punti di partenza sono rispetto, impegno, costanza e maggior convinzione»

Prendi uno e… parli con tre… Nessuna offerta commerciale vantaggiosa, sia chiaro, per la VB Family.

Quando però sei al cospetto di Sebastiano Leoni, ti rendi conto che interpreta tutti i volti della pallacanestro.

Nella stagione che sta per cominciare, ricoprirà per la prima volta il ruolo di capo allenatore del gruppo Under 16, si metterà, come l’anno scorso, al fianco dei Coach Teo Boschi e Mario Ferrari nella gestione del gruppo Under 17/Under 19 e, giusto per non farsi mancare niente, tornerà ad indossare la mitica #11 della Promozione, assicurando il cospicuo contributo di punti, che sale di valore ogni volta che il “Seba” alza la mano dai 6,25.

Logico quindi partire dallo sviluppo di un concetto: dove finisce il giocatore e dove inizia l’allenatore?

«Un rebus complicato da risolvere, ma ci sto lavorando» dice Sebastiano che specifica: «Mi capita di proporre esercizi ai ragazzi, pensando che, avendoli fatti io milioni di volte, sarà facile anche per loro metterli in pratica. Ciò che è facile da giocatore non lo è altrettanto da coach. Devi fare in modo che ogni ragazzi abbia fiducia in me e nel basket che gli propongo. L’esperienza farà tutta la differenza de mondo. Io sono agli inizi ma la sfida non mi fa paura. Al contrario: lavoro sodo ogni giorno per fare sempre un passo in avanti».

La gestione del gruppo le riesce facile?

«Non è certo la stessa situazione che vivo quando sono nello spogliatoio con i miei compagni di squadra. Entrano in campo dinamiche diverse. Il mio compito è quello di dar seguito ad ogni proposito espresso in allenamento. Non sempre è immediato trasferire un concetto al gruppo squadra, ma il mio traguardo da raggiungere è quello».

Le è stato affidato un gruppo che ha uno step da raggiungere: crescere…

«Sin dal primo allenamento, ho chiesto ai ragazzi serietà, impegno e costanza. Tutti insieme dobbiamo lavorare sodo per migliorare ogni giorno il nostro livello. Sin qui la loro disponibilità è stata totale e comincio ad avere i primi riscontri. Ci aspetta una strada lunga, ma se non perdiamo di vista la voglia di percorrerla, riusciremo a renderla praticabile. Il punto di partenza è dare il massimo: dal primo minuto all’ultimo di ogni allenamento e delle partite che andremo ad affrontare».

La prospettiva cambia quando si mette al fianco di Boschi e Ferrari con il gruppo U17/U19…

«Stiamo parlando di un livello diverso. Si lavora sul talento, sulla tecnica, sul fisico. Si lavora su un gruppo di giocatori che dovranno essere il futuro del Visconti. Alcuni di loro sono già nell’orbita della prima squadra. Mi auguro, parlando da giocatore, che siano sempre di più coloro che verranno a darci manforte».

Qual è il tassello mancante?

«Deve accendersi la scintilla e, vi assicuro, occorre solo che imparino a schioccare le dita. Basterà che imparino a “leggere” la pallacanestro. Lo step successivo è quello di entrare in un livello dove “svolgere il compitino” pur in bella calligrafia, non è più sufficiente».

E la sua squadra ideale?

«Quella che gioca una pallacanestro sportivamente aggressiva. Quella composta da giocatori che vogliono quotidianamente rimettersi in gioco per andare oltre i limiti raggiunti».

Facciamo scorrere velocemente il calendario: dove vuole essere a giugno 2023?

«Vorrei che i ragazzi del gruppo Under 16 – dice Sebastiano Leoni – si sentissero più consapevoli dei loro mezzi, migliorati sotto ogni punto di vista e pronti a fare il salto nel livello superiore. Mi piacerebbe che il gruppo Under 17 e Under 19, mettendo a frutto il buon lavoro e la maggior esperienza, raccolga quelle soddisfazioni che l’anno scorso ci sono sfuggite per un soffio di vento».

Con la Promozione?

«Darò il massimo per giocare il miglior campionato possibile – conclude Seba Leoni – e coltivare con i coach e con tutti i miei compagni, l’ambizione di restare in corsa sino alla fine per arrivare ad un risultato importante».

PRE SEASON – Doppio sorriso per U17/U19

Due partite in ventiquattro ore per i ragazzi che comporranno poi le squadre Under 17 e Under 19. Il gruppo 2006-2007 nel pomeriggio di sabato ha raggiunto Carvico per un test match con il gruppo Under 17 Gold della Caluschese. Dopo un avvio zoppicante (26-5 per i locali), i ragazzi di coach Boschi hanno cambiato ritmo e volto alla partita, stringendo le maglie in difesa e trovando buone scelte in attacco. È così iniziata la rimonta completata durante un terzo quarto pirotecnico: 8 triple e palloni recuperati in serie danno il “la” allo show dei “gialli” che mettono la freccia e non si voltano più indietro sino al 76-63 finale.

Domenica pomeriggio, sul parquet amico di Brignano, la futura Under 19 ha ospitato i parietà del Seriana Basket. Altra sgambata di buon livello che ha permesso al coach di trarre importanti indicazioni. Per la cronaca, Visconti si è imposta nei quattro quarti canonici ed anche nel “supplementare” da 10’ che ha chiuso l’amichevole. Nota di merito per i due “viscontini” classe 2009 Alberto Nisoli e Mattia Nisoli che hanno più che egregiamente arbitrato l’incontro con la supervisione di Massimo Moretti.

«Due partite appositamente scelte di livello – ha commentato domenica pomeriggio coach Matteo Boschi – per avere un riferimento concreto del lavoro svolto sino qui. Su alcune cose siamo a buon punto mentre su altre servirà maggiore applicazione da parte dei ragazzi. Tutti loro sanno che l’obiettivo di questa stagione è quello di crescere sotto ogni punto di vista tenendo alta l’asticella dell’intensità, della massima concentrazione e del voler giocare insieme».

Le Under 19 di Visconti e Seriana al termine dell’amichevole. In Home: l’Under 17 che ha giocato con la Caluschese